Condividi

Chi Sono

Natamamma per natura, diventata mamma “non per caso”.
Racconto il viaggio più tormentato che ha “stimolato” anima e corpo e fatto vibrare le corde più profonde del mio essere.

Ormai molti tabù sulla gravidanza e sulla genitorialità sono stati sdoganati. Si è cominciato a trattare tematiche delicate – ad esempio il post partum – in modo ironico, sarcastico e leggero.

Un argomento invece, ancora risulta socialmente poco accettato, o poco capito, o poco conosciuto (insomma poco di tutto): la PMA, Procreazione Medicalmente Assistita.

Fecondazione e Gravidanza tutto condito con abbondante stato di Ansia. Di questo parlerò nel mio Blog, delle esperienze che più o meno direttamente ho vissuto, delle emozioni che ne sono scaturite, delle ceneri che mi sono lasciata dietro (e dentro me stessa).

Cosa ho imparato in questi anni?

  1. perchè si parla di Miracolo della Vita
  2. che la natura non è meritrocratica (al contrario è terribilmente ingiusta e spietata)
  3. non controlliamo niente in questo mondo (sto ancora cercando di accettarlo)

Il Blog

In un periodo che definire difficile è un eufemismo, ho trovato conforto nel mettere nero su bianco l’enorme carico di emozioni che mi portavo dietro da tempo e che mi stava soffocando.

Scrivere si è rivelata una terapia efficace e così non ho più voluto – o potuto – smettere.

Mi auguro che condividere esperienze sia esse positive che negative, possa aiutare qualche Donna che là fuori, nel mondo reale, sta cercando di restare a galla durante la traversata di un mare in tempesta. Lo stesso che ho affrontato io.

Spero che questo spazio possa inoltre servire attraverso l’informazione e il confronto a sensibilizzare sul tema della Procreazione Assistita, a renderlo un pò meno tabù e a far sentire un pò meno sole le Donne che si caricano sulle spalle un fardello che in pochi potrebbero sostenere.

Scrivi a

natamammablog@gmail.com

Segui

la pagina Facebook

Segui

la pagina Instagram

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.